LOGO
GESCHICHTE-D.html

STORIA

Originalmente questa fattoria apparteneva al
conte di Gamertingen. Nel 1137 il vescovo
Konrad I acquisì tanti beni in Alta Engadina,
tra cui la Dorta nel quartiere omonimo di Zuoz.
A questo periodo risale anche il nome Dorta,
che deriva da: fattoria fuori Coira = Curia Orta

Con questo acquisto Zuoz divenne, per 400
anni,
il contro del dominio episcopale nell’
Alta Engadina. L’alta giurisdizione competeva
al vescovo di Coira, che veniva due volte all’
anno a Zuoz dal passo dell’ Albula, fermandosi
anche nelle chiese di San Gian e San Michel.

I funzionari amministrativi episcopali presie-
dettero il tribunale, fino a quando questi diritti
sono stati trasferiti al popolo.

Costruzione: ntorno all’XI° secolo (medioevo),
è stata costruito anche un edificio tipo torre.
Queste cosiddette torri residenziali avevano
le porte da 1,5 a 3m dal suolo. Per l'ingresso
avevano una scala a pioli che si poteva ritirare
dal di dentro. In questo modo saccheggiatori
e altri criminali erano respinti.

LOGO

 

Nel 1499, durante la guerra di Svevia, i nativi
dei villaggi dell'Alta Engadina diedero fuoco
alle case. Prima vennero sepolti tutte le cose
di valore e soprattutto gli approvvigionamenti.
La tattica della "terra bruciata" funzionò e gli
austriaci si ritirarono.
La camerata, la chadafö, la chamineda, la
camera da letto e la torre residenziale sono
stati ricostruiti poco dopo l'incendio.

Nel 1560 è stato costruito un fienile e 1610
tutto è stato inglobato in un edificio. Nel 1650
come protezione antincendio e come in tutte
le case di legno, la sala e la camera da letto
vennero costruite in muratura.

Arte: Nascosto nella Sala del cavaliere trova nostro gioiello dal artista e pittore su vetro locale Gian Casty (1914-1979). Curioso?

LOGO